Come usare un integratore di glutammina per gli scopi di salute

Gli integratori di glutammina sono generalmente raccomandati ad atleti e culturisti che utilizzano programmi di allenamento e bodybuilding intensi e le cui diete non contengono abbastanza nutrienti essenziali. La glutammina che assumono contiene l’aminoacido glutammina, che può essere scomposto in due diversi composti, acido N-acetil-glutammato e N-acetil-glutarato. Queste due molecole sono i precursori della glutammina e svolgono un ruolo importante nel metabolismo cellulare. Le cellule che usano la glutammina per la loro funzione sono conosciute come neuroni sensibili alla glutammina o GSN ei recettori della glutammina sono quelli che mediano l’azione della glutammina in queste cellule.

L’attività dei GSN dipende dal livello di attività di altre proteine ​​come la glutammina e dalla forza del sistema immunitario. Quindi la glutammina è in realtà un amminoacido che ha molteplici funzioni nel metabolismo cellulare, tuttavia ci sono due usi principali della glutammina nel corpo; uno come integratore alimentare e l’altro come antiossidante. È importante considerare alcuni aspetti fondamentali nel momento in cui si decide di acquistare un certo tipo di integratore che è perfetto per i tuoi scopi di uso. La glutammina può essere ottenuta dal cibo o sotto forma di integratore alimentare che ha una dose raccomandata per un individuo a seconda del suo peso e del tipo di costruzione del corpo. Quando viene assunta come cibo la glutammina viene scomposta in molte molecole che possono poi entrare nel flusso sanguigno per fornire nutrienti ai muscoli e ad altri tessuti.

Gli integratori di glutammina sono stati ampiamente utilizzati per molti anni e si è visto che un aumento costante dell’assunzione di glutammina è associato a una diminuzione dell’incidenza di condizioni quali cancro, diabete, asma, osteoporosi e morbo di Alzheimer. Tuttavia, gli integratori di glutammina non possono invertire gli effetti di nessuna di queste condizioni e può essere necessario utilizzare altre modalità di trattamento oltre a un integratore di glutammina per trattare queste condizioni. Per esempio, un trattamento del diabete con alte dosi di glutammina può effettivamente portare a un deterioramento della funzione renale. Questo tipo di situazione può anche portare a un aumento del rischio di cancro al colon. I problemi di sicurezza dell’integrazione di glutammina devono essere valutati rispetto ai benefici derivanti dal suo uso. Un approccio prudente deve quindi essere adottato quando si considera l’uso di integratori di glutammina.

Maggiori informazioni puoi visionarle sul sito web di approfondimento www.guidaglutammina.it